Firenze:

che spasso andarci a spasso!

(Tutta un’altra guida turistica)

(Libro)

 

Formato 13x21 pp. 125

A SOLI € 12,00

 

Richiedilo nelle migliori librerie o direttamente a:

F l o r e n c e  A r t  E d i z i o n i

Collana Curiosando - 2014

055/717248 – 347/3204416

 

www.FlorenceArtEdizioni.com

info@FlorenceArtEdizioni.com

 

Non sono nato a Firenze... ma ci ho vissuto più della metà della mia vita. In qualità di cantante, attore e “storico” ho avuto la fortuna di annoverare, fra i miei amici e conoscenti, tantissimi artisti, studiosi e intellettuali fiorentini. Personaggi che mi hanno fatto scoprire una Firenze diversa, narrandomi cose solitamente non raccontate dai vari ciceroni ai propri gruppi di visitatori, tantomeno riportate nelle guide turistiche ufficiali. Ovviamente non mi riferisco all’aspetto storico delle bellezze artistiche o monumentali della città ma a quei curiosi aneddoti che denotano l’arguzia, la diplomatica irriverenza, il saper leggere fra le righe, il godersi la vita con semplicità ed eleganza del popolo fiorentino. Così, ogni qualvolta che un amico mi viene a far visita, mi improvviso “guida turistica” e lo porto in giro per Firenze, raccontandogli (proprio come se fossero monologhi comico/teatrali) le varie storielle riportate in questo libro. Inutile dire che... invece di concludere con le consuete parole “Buona lettura”, mi sembra più appropriato augurarvi “Buona passeggiata” e - soprattutto - “Buon divertimento”!

 

Come usare questa guida

 

Nonostante Firenze (a detta degli stessi fiorentini) sia solo una “piccola cittadina”… è praticamente impossibile riuscire a visitarla in poche ore: la quantità di storia che trasuda impone ai visitatori di dedicarvi quanto più tempo e più attenzione possibile. Ho ritenuto opportuno, quindi, suddividere questa mia “gita turistica” in 15 itinerari della durata di poche ore ciascuno. Sarà poi il visitatore stesso a deciderne il punto di arrivo e a riprendere il cammino la volta successiva. Posizionatevi davanti al numero civico indicato prima di ogni aneddoto e da li in poi seguite il percorso suggerito.

 

Il libro comprende 215 curiose “storielle”! Eccone una a caso!

 

Via de’ Calzaiuoli (angolo Corso) - SEGNALI DI FUMO - Curiosamente... questa strada che tutti chiamano Via del Corso ma sulla cui insegna (in alto a sinistra) è denominata semplicemente Corso, in realtà si dovrebbe chiamare Via della Corsa. Eh sì, perché prende il nome da un ormai dimenticato palio medioevale fiorentino: la Corsa dei Barberi (cioè puledri senza fantini). La gara, che si teneva il 24 giugno, iniziava dal Ponte alle Mosse (nel linguaggio ippico la mossa è appunto la partenza della corsa), per poi entrare da Porta al Prato, attraversare tutta la strada est-ovest e giungere al traguardo posto a Porta alla Croce, l’attuale Piazza Beccaria. Cosa curiosa: per poter comunicare in “tempo reale” l’esito della gara al Granduca Leopoldo II che vi assisteva dalla terrazza della Loggia Reale (sita all’angolo fra Via il Prato e Via Curtatone), si escogitò un simpatico sistema di ritrasmissione: una serie di specchi posizionati strategicamente sui tetti e sui campanili della città permetteva il riflesso di un segnale di fumo. E in base a quale fosse il colore della fumata... il Granduca capiva chi era il vincitore.

 

Enzo Carro - Tel. 339/1918246 info@enzocarro.it

Torna alla pagina iniziale

Torna alla pagina "Musicassette, Cd e Libri"